EMERGENZA COVID-19: Trasparenza e decisioni utili

La nuova ondata di covid-19, sta mettendo a dura prova cittadini ed istituzioni private e pubbliche: linee guida che si contraddicono, istituzioni sanitarie sature, la continua impennata della curva epidemica, il propagarsi di notizie e di affermazioni di ogni genere da parte di politici e medici.

Le notizie diffuse a mezzo stampa di questi giorni circa le nuove misure di contenimento dell’epidemia ci preoccupano molto. Sentiamo parlare di confinamento degli over ’70, chiusura delle scuole, coprifuoco e riduzione degli orari di apertura degli esercizi commerciali.

Siamo consapevoli che le decisioni da prendere non sono semplici e sicuramente non possono essere prese per accontentare qualcuno e qualche categoria.

Chiediamo fermamente al Governo che nel prendere le decisioni necessarie a proteggere i cittadini dal coronavirus e a tentare di arginare la sua diffusione, tenga presente dei seguenti suggerimenti:

  • Si ascolti la scienza con le sue istituzioni. Il CTS ha da sempre avuto un ruolo chiave nella gestione della pandemia e come si è visto nella prima parte ha individuato con chiarezza le linee che andavano seguite;
  • Si definiscano delle regole chiare e univoche per tutto il territorio con una differenziazione che faccia riferimento all’indice RT nelle diverse regioni;
  • Si cerchi finché possibile di tenere aperti gli istituti scolastici in particolare asili, elementari e medie, questo per permettere ai bambini di crescere nel miglior contesto sociale possibile e alle famiglie di non trovarsi schiacciate dal peso della gestione dei figli h24 senza la scuola;
  • Si eviti di creare categorie di cittadini “da scartare”. Troviamo abberrante e vergognoso selezionare gli anziani come categoria non produttiva e quindi pensare di sacrificarli, relegandoli nelle loro case. Se veramente si vuole fermare il virus è necessario agire su chi provoca assembramenti! Ad esempio:
    • Aumentando i controlli per fare rispettare le regole: è indispensabile che le regole non siano affidate al buon senso ma siano verificate. Questo permette di evitare ciò che è successo nei giorni scorsi dove con trucchi più o meno legali si sono visti festini di ogni tipo e in ogni dove;
    • definire con chiarezza le regole dell’utilizzo dei mezzi pubblici riducendone la portata al 50% e utilizzando i mezzi fermi sia privati che delle forze armate, in particolare nelle grandi città;

Impariamo da ciò che non ha funzionato negli altri paesi europei e si trovi una strategia comune europea.

Siamo convinti che solo una voce unica, decisa e autorevole, frutto della sintesi delle diverse anime del paese possa portare a vivere questo momento di estrema difficoltà sanitaria, sociale e psicologica nel migliore dei modi.

Solo anticipando la corsa del virus si possono avere chance di fermarlo!

Ufficio Stampa:

Assoconfam: stampa@assoconfam.it – 3291074129

Konsumer Italia: info@konsumer.it

A.E.C.I.: press@euroconsumatori.eu