Paypal introduce tariffa per le contestazioni

Dallo scorso 16 dicembre Paypal ha introdotto il pagamento di una tariffa a carico del venditore qualora il consumatore apra un reclamo. Si tratta di una novità importantissima, che va a favore del consumatore in tutto e per tutto, che porterà (o almeno così è auspicabile) ad una riduzione delle truffe da parte dei venditori, che saranno costretti a pagare una certa quota in caso di contestazione da parte dell’acquirente.

COME FUNZIONA?

Quando si acquista un bene e si paga attraverso Paypal, l’acquirente può aprire una contestazione  su un prodotto che ha acquistato, se il bene è notevolmente difforme dalla descrizione che compare sul sito, oppure non è stato consegnato.

A questo punto può succedere che:

  • La contestazione sia risolta direttamente tra venditore ed acquirente.
  • La contestazione non si risolve ed il consumatore puoi convertire la contestazione in reclamo entro 20 giorni dalla data di apertura della contestazione. Paypal Esaminerà la pratica e deciderà l’esito sulla base delle prove raccolte dal consumatore e dal venditore.

Attenzione, se la contestazione non viene convertita in ricorso entro 20 giorni, la pratica verrà chiusa automaticamente il 21° giorno e il denaro verrà sbloccato per il venditore. La pratica chiusa non può essere riaperta.

Sono state individuate due tipologie di tariffe che verranno applicate da Paypal in caso di reclamo:

  • la tariffa per contestazioni standard;
  • la tariffa per contestazioni per volumi elevati, che si applicherà se il venditore ha effettuato più di 100 transazioni nei tre mesi precedenti e il rapporto tra le contestazioni e le vendite è superiore a 1,5%.

ATTENZIONE! Le tariffe non si applicano nel caso in cui:

  • le contestazioni non sono convertite in reclamo
  • le contestazioni vengono risolte tra consumatore e venditore
  • le contestazioni vengono presentate per transazioni non autorizzate
  • le contestazioni sono relative a transazioni con un valore inferiore al doppio dell’importo della tariffa stessa.

Questa svolta rappresenta una importante tutela per il consumatore ed è molto simile ad una pratica di sinistro assicurativo.

Hai bisogno di aiuto? Affidati ai nostri esperti Ti aiuteremo a predisporre il reclamo con tutta la documentazione idonea per avere il rimborso

Federica Marchioni
Federica Marchioni

Laureata in lingue e letterature straniere all'università La Sapienza di Roma, ha sempre lavorato nell'associazionismo. Collabora con Assoconfam dal 2015 come responsabile del settore progettazione e segreteria. E' Presidente della sezione di Roma Capitale.

Via Cutilia, 17 - 00183 - Roma
Tel: 065122630 - Email info@assoconfam.it | Codice Fiscale: 97409520588

©2021 Assoconfam - Tutti i diritti riservati

IConsumatori - Federazione dei consumatori

Associazione federata a iConsumatori